revisionismo storico strumentalizzazione ricerca scientifica Narkotika Narkotikahandel

Se il presente argomento:
STORIA DEL SIGNORAGGIO BANCARIO,
non si trova nei libri di storia E NON SI Può TROVARE.
Allora, la comprensione della storia, come della realtà in cui viviamo è tutta falsata!

Lo stesso crimine ORRIBILE dell'olocausto non può essere rettamente compreso.
All'epoca, come oggi, tutti gli invisibili proventi del “signoraggio” (Titoli del Debito Pubblico in cambio di carta colorata, con la conseguente chiusura del bilancio a zero, questo al contempo rende invisibile semplicemente il doppio di tutto il denaro del mondo) finivano a Londra e in parte venivano poi “spalmati", come oggi avverrebbe con i 33.000 conti segreti chiamati clenstreem.
Così, uccidere un ebreo era sempre, una funzione politica legata ad esigenze belliche e non soltanto festeggiare per l'uccisione del “grasso maiale”.

FASE TRE - divulgare il nuovo ordine mondiale: strategie della PIRAMIDE massonica.
La FASE TRE è iniziata: "Caro Signor Scarola, comprendo e condivido il Suo anelo per salvare il mondo, ma... Nel giorno del giudizio avrò l'assoluzione per insufficienza di prove a mio carico (si sta illudendo!) e siccome discendo da una famiglia di banchieri ebrei, profitto personalmente del sistema del signoraggio. Che Allah la protegga! www.forum-****a
--- scrivi a: jhwhinri@gmail.com
Allora, possiamo dire che tutta la ricerca scientifica è già stata piegata alle esigenze della “tecno-finanza” come direbbe l'On, Tremonti, che io sto osservando da tempo con molto interesse.

Allora, la stessa “scienza” viene resa la più spietata delle religioni, per i polli indottrinati dall'unico Net Work mondiale.

Allora, solo dalla contro informazione, può partire una sana ricerca scientifica che sia un autentico servizio della verità.
Vi offro quello che non leggerete mai da un testo di storia o da una monografia universitaria e che mai potrete vedere pubblicato su un quotidiano a tiratura nazionale.
----------------------------------
*********************************
GENESI DELLA TECNO FINANZA e democrazia nata morta, per mancanza dell'organo vitale della sovranità monetaria.
***********************************

DEL SIGNORAGGIO E DEL SERVAGGIO

Affiora a questo punto, la questione del signoraggio.
Si tratta di un termine antico, che si riporta all’epoca nella quale i sovrani coniavano monete d’oro e d’argento, cui assegnavano un valore facciale superiore a quello intrinseco (ecco il signoraggio), e la loro effigie sulle monete aveva il significato di garantirne sia l’ufficialità come mezzo di pagamento, sia il valore indicato (nell’ambito del regno).

Per la banca centrale europea (BCE) signoraggio è “il reddito ottenuto dalle banche centrali nazionali nell’esercizio delle funzioni di politica monetaria del SEBC” (art. 32 dello statuto).

Tale descrizione, (di parte), è fuorviante in quanto ne sposta i termini, lasciando intendere che si tratterebbe del ricavo di un servizio.

Non è così: in realtà non c’è nessun servizio, ma al contrario un potere
usurpato.

Oggi, si definisce usualmente signoraggio la differenza tra il valore facciale del mezzo monetario ed il costo per produrlo. (PAOLO SAVONA, La sovranità monetaria, Torino, 1974)

Questa differenza diventa un guadagno se chi “batte moneta”è un privato.

Non lo è, se a ciò provvede lo Stato.
Un tempo, la quantità massima delle banconote che potevano essere messe in circolazione, era determinata dalla riserva aurea posseduta.

Sui biglietti era scritto:
“pagabile a vista al portatore” intendendosi che questi poteva chiedere il controvalore in oro all’autorità che aveva stampato la cartamoneta.

Questa limitazione alla stampa dei biglietti venne però superata già ai tempi della prima guerra mondiale.

Con il passaggio dalle monete di metallo pregiato alla moneta cartacea, si rese
molto più agevole creare valore monetario e ciò scatenò appetiti sfrenati. I banchieri fecero a gara per ottenere il privilegio di battere moneta. E, come sappiamo, l’ottennero.

A metà dell’800, l’associazione massonica “Comitato dell’Amor fraterno” in Italia emetteva banconote.

All’atto pratico, il signoraggio si traduce nella potestà di battere moneta.
Si tratta di un’attribuzione connaturata al potere statale, cioè alla sovranità (al potere riconosciuto dai componenti il gruppo sociale per la gestione della collettività), e risponde all’interesse essenziale della comunità di disporre di uno strumento di pagamento, garantito nella funzione e nel valore.

E’ bene avere chiaro che un pezzo di carta stampato assume la valenza di mezzo
di pagamento, cioè di danaro, grazie al consenso della comunità nazionale.

La sua accettazione da parte dei cittadini costituisce una convenzione, in base alla quale al pezzo di carta è assegnato il valore su di esso indicato.

Si pensi al caso dell'operaio che, in cambio del suo lavoro (bene reale), ottiene cartamoneta (valore convenzionale) e, con questa cartamoneta, acquista risorse per vivere (valore reale).
(Sotto certi aspetti, l’insieme di tutte le banconote di un Paese potrebbe dirsi l’espressione monetaria del valore dei beni che vi si trovano).

In queste condizioni, il “trasferimento”della potestà di battere moneta ad un ente privato, ovviamente ignoto all’esperienza vissuta dalla società umana nel corso della sua storia, assume contorni totalmente distorsivi.

Non si può perciò evitare di chiedersi perché le istituzioni, il cui compito specifico è la tutela degli interessi della popolazione, abbiano compiuto un atto che va contro questi interessi in misura tanto radicalmente distruttiva.

Questa incredibile deformazione fu realizzata in modo compiuto nel 1694 quando venne creata la Banca d’Inghilterra: la prima banca centrale nello scenario mondiale.
----------------------------
Ne stigmatizza esemplarmente la costituzione il filosofo KARL MARX:
“la banca d’Inghilterra venne autorizzata dal Parlamento a battere moneta … con questa moneta la banca faceva prestiti allo Stato e pagava per suo conto gli interessi del debito pubblico. Non bastava però che la banca desse con una mano per aver restituito di più con l’altra ma, proprio mentre riceveva, rimaneva creditrice perpetua della nazione fino all’ultimo centesimo che aveva dato. In Inghilterra, proprio mentre si smetteva di bruciare le streghe, si cominciò ad impiccare i falsari. Gli scritti di quell’epoca, ad esempio di Bolingbroke mostrano che effetto facesse sui contemporanei l’improvviso emergere di questa genia di bancocrati…”. (Capitale, Roma, 1974, I, pag. 817 e ss.)
-----------------------------
La creazione, in quello che all’epoca era il centro economico-finanziario più
importante del pianeta, di una realtà nuova, gli strumenti finanziari, che consentivano potenzialità di grandi e facili guadagni speculativi, generò una nuova schiatta di parassiti, intenti ad arricchirsi con il danaro altrui.

Banchieri, finanzieri, rentiers, mediatori, operatori di borsa, si moltiplicarono e ritennero conveniente organizzarsi in camarille, più o meno segrete per mantenere riservati i loro trucchi, evitare conflitti interni e istituzionalizzare legami che garantissero la monoliticità della combriccola.

La massoneria, con i suoi riti e la sua segretezza, costituì la loro ideale aggregazione. Il sovrano inglese ne fu subito il capo e risultò pertanto agevole compiere il “sacrilegio”di trasferire ad un loro ente privato il potere di battere moneta.

Accedendo a siffatta istanza per evidente interesse di categoria, il re (partecipe della cricca) agì non più come gestore degli interessi della collettività, ma come semplice privato, così certamente arricchendosi, ma abusando dei suoi poteri e tradendo la fiducia dei suoi sudditi.

Costui aveva “scoperto” che stampare moneta per conto proprio (e della sua combriccola) era molto più redditizio che farlo per conto della nazione.
Il passaparola fra famiglie regnanti e tra i banchieri consentì il rapido diffondersi della privatizzazione monetaria, senza troppi scrupoli per l’interesse pubblico.

Nel corso dell’ultima guerra, i Savoia, vedendo profilarsi la sconfitta, (e violando rigide norme specifiche) esportarono all’estero i capitali accumulati, addirittura in Inghilterra, presso i loro confratelli.

Confortarono in tal modo l’economia di quel nemico, da loro stessi indicato ai soldati italiani, costretti a combattere senza scarpe e con armi della prima guerra mondiale.

Perché abbiamo parlato della potestà di battere moneta come di un’attribuzione
della sovranità e perché ne è illegittima la privatizzazione?
(Nota: GIANO ACCAME, La destra sociale, Roma, 1996).

E’ necessario ribadire che il battere moneta è attribuzione propria della sovranità pubblica (che, come sappiamo, appartiene al popolo).

E’ assiomatico, poi, che la sovranità, proprio perché tale, non è cedibile (tanto meno poi, come nel caso, con una legge ordinaria…).

Inoltre, non rientra assiomaticamente fra i poteri dei delegati del popolo disporre della sovranità (cioè dei poteri del mandante).

La cessione del signoraggio ad un ente privato costituisce perciò una vera
inconcepibile enormità, determinando, in contropartita, la catastrofica conseguenza del servaggio dei cittadini.

Sul piano concreto, infatti, il trasferimento comporta innanzitutto un gigantesco onere per i cittadini, che si traduce in un prelievo colossale di risorse dalle loro tasche (quando, invece, queste risorse appartengono a loro tutti che, accettando la cartamoneta, ne hanno creato il valore).

Inoltre, la concessione ad un privato della potestà monetaria, comporta consegnargli la conduzione e direzione dell’attività economica del
Paese e la gestione delle sue risorse finanziarie.

E’ come se una famiglia consegnasse ad un estraneo il proprio patrimonio perché decida come impiegarlo ed utilizzarlo).

Pur tuttavia a questo si è provveduto anche in Italia, (con R.D. 812 del 1926).
Legittimo chiedersi chi all’epoca ha incassato, nel Bel Paese, il danaro di Giuda.

Con la privatizzazione della sovranità monetaria, l’ente che stampa le banconote, (il fantoccio banca centrale), non opera infatti come semplice tipografia al servizio dello Stato, ma come titolare, o proprietario, della cartamoneta stampata (il cui quantitativo, tra l’altro, essa stessa decide e determina).

Con la creazione di una banca centrale dotata di questi poteri, lo Stato, ossia la collettività nazionale, si è auto punita perché, quando ha bisogno di soldi, deve chiederli alla banca, e questa (se vuole), glieli presta.

Ma, trattandosi di un bene di sua proprietà, gli chiede un interesse.
Lo Stato dunque, in queste condizioni, non solo deve restituire il capitale ricevuto, ma pagare anche gli interessi, ed al tasso deciso dalla banca centrale (V.: B. TARQUINI, La banca, la moneta e l’usura. La Costituzione tradita, Napoli, 2001).

Naturalmente, noi parliamo di Stato, ma chi è materialmente debitore, colui che deve pagare, è il popolo italiano che, a questo scopo, è onerato di gravose imposte.

Nel Medioevo il signorotto imponeva l’obolo ai sudditi per fare qualche guerra o
gratificarsi con qualche sontuoso palazzotto.

Se non bastava l’obolo, stipulava prestiti presso i banchieri. E’ stata tale prassi ad accendere le brame di questi ultimi.

Poiché i prestiti di guerra erano sempre assai consistenti e perciò lucrosi, costoro vi hanno visto subito le enormi possibilità di arricchimento, qualora fossero riusciti a trasformarli da occasionali in istituzionali.

Soprattutto poi quando alle monete d’oro e d’argento, che avevano comunque un valore intrinseco, si è sostituita la cartamoneta a costo zero.

In pratica, oggi, il vantaggio per il privato di “battere moneta” è massimo,
equivalente a quello del falsario. Mentre quest’ultimo però rischia la prigione, i banchieri centrali sono colmati di onori.
--------------------------
( MAURICE ALLAIS, premio Nobel per l’economia nel 1988, in : La crise mondiale aujourd’hui, Paris, 1991, , è estremamente chiaro:
“Par essence, la création monetaire ex nihilo que pratiquent les banques est semblable, je n’hésite pas à le dire pour que les gens comprennent bien ce qui est en jeu ici, à la fabrication de monnaie par des faux-monnayeurs, si justement reprimée par la loi”).
-----------------------------
Se l’Imperatore Augusto voleva una flotta di triremi, con i metalli pregiati estratti dalle miniere dell’impero, coniava i sesterzi sufficienti alla bisogna.

E i cives romani potevano tranquillamente andare a comprare il biglietto per godersi gli spettacoli al Colosseo, senza temere rivalse fiscali.

Oggi, invece, se lo Stato ha bisogno di 10.000 miliardi per fare un ponte, deve chiederli in prestito alle banche, ed i contribuenti devono accollarsi nuove imposte per 10.000 miliardi, più gli interessi.

Si è verificata una paradossale inversione dei ruoli.

Lo Stato, come un qualsiasi privato, deve chiedere ad un ente privato, diventato però, impropriamente, sovrano monetario, la “sua” cartamoneta.

Ciò è abbastanza grottesco ed estremamente punitivo, (ma, attenzione, ripeto, non per lo Stato, ente astratto, bensì per i cittadini).


Per disporre del danaro occorrentegli per funzionare, lo Stato lo deve richiedere alla banca centrale (ma ciò gli è consentito solo entro certi limiti) oppure vende direttamente ai cittadini dei titoli di credito (i Buoni del Tesoro), con i quali si impegna a pagare un certo interesse (il cui ammontare è stabilito dai privati banchieri, come all’epoca delle Crociate).

La prima porzione riceve come contropartita della cartamoneta prodotta dalla banca centrale a costo quasi nullo, inferiore a quello che dovrebbe sostenere un falsario (la produzione artigianale è sempre più onerosa di quella industriale).

La seconda, invece, ha come contraccambio delle banconote che sono il frutto del lavoro dei cittadini. (Questa diversità è piuttosto interessante).

Questi ultimi dovranno anche provvedere, sempre con il loro lavoro e pagando le imposte, a fornire allo Stato i mezzi monetari per restituire al sistema bancario la porzione di cartamoneta che questo ha “prestato” allo Stato.

Consegue comunque in entrambi i casi che le banche, emettendo moneta,
“acquistano”a costo zero dai cittadini un valore corrispondente in beni e risorse reali, da costoro prodotti.

Il cliente che va da una banca e chiede un mutuo, in quel momento medesimo ne diventa il finanziatore.

Le rate di rimborso del capitale più gli interessi, (spesso spalmate
su decine di anni) saranno utilizzati dalla banca per altri lucrosi mutui, praticamente senza fine.

Quando una banca consegna a Tizio per un mutuo del danaro ricevuto da altri mutuatari, è come se Tizio prendesse a prestito il danaro dal suo vicino (TOM SCHAUF, The American Voter Vs. The Banking System, New York, 2002, nonché: N. COHN, The Pursuit of the Millennium, Londra, 1957).

Le banconote che le banche ordinarie ricevono dalla loro longa manus, la banca centrale sono fonte di altra moneta (ancor più gratuita), per effetto del moltiplicatore (come nell’esempio del mutuo, o di ogni altro affidamento).

Le banche ordinarie, perciò, creano nuova moneta, doppiamente lucrando sul lavoro dei cittadini.

Nell’esempio di cui sopra, se lo Stato facesse come l’Imperatore Augusto, e cioè stampasse direttamente biglietti per 10.000 miliardi, il ponte verrebbe costruito e nessun onere ricadrebbe sui cittadini.

Inoltre, se lo Stato, come sarebbe ovvio, (ed anzi naturale dovere), esercitasse la sua sovranità monetaria ed emettesse biglietti di Stato anziché chiedere in prestito le banconote della banca centrale, non vi sarebbe evidentemente il debito pubblico (cioè il “debito” contratto con la banca centrale e con i risparmiatori, acquirenti dei Buoni del Tesoro).

Ed ai cittadini verrebbe risparmiato il conseguente pesante onere.

(A proposito, se stampa Buoni del Tesoro perché lo Stato non stampa direttamente la cartamoneta che gli serve?).

Non solo: l’imposizione fiscale potrebbe essere enormemente ridotta (se non cancellata), le opere pubbliche potrebbero essere moltiplicate, la crescita favorita, e la disoccupazione praticamente scomparire.

Inoltre, il danaro creato dallo Stato porrebbe sullo stesso piano il privato cittadino e le banche.

A causa del trasferimento ai finanzieri della sovranità monetaria, oggi, pagando le imposte, i cittadini “restituiscono” alla banca centrale il mutuo che questa ha “concesso” allo Stato creando valore dal nulla, come i maghi delle fiabe.

La Costituzione americana riserva espressamente, al Congresso la sovranità monetaria.

In aperta violazione di questo precetto però, nel 1913, venne creata la solita banca centrale, sul modello inglese, cioè con le già note attribuzioni, e si aprì l’era della Federal Riserve Bank , dell’IRS, (la tassa sul reddito) e del TUS (il tasso ufficiale di sconto, con il quale i banchieri stabiliscono quanto costerà ai cittadini il danaro da loro creato a
costo zero).

Negli USA è stato calcolato (da Bob Dole, membro del Congresso) che circa il 50% del prelievo fiscale è destinato alle banche in “contropartita” della cartamoneta data in prestito allo Stato.

Pertanto, se si eliminasse questo compenso monetario impropriamente attribuito alle banche, il cittadino potrebbe disporre dello stesso reddito lavorando la metà (ovvero: molte mogli non sarebbero costrette a lavorare per far quadrare il bilancio familiare).

Abramo Lincoln, come già prima di lui Andrew Jackson, utilizzando il potere
attribuitogli dalla Costituzione, stampò oltre 400 milioni di dollari di Stato per finanziare la Guerra Civile, senza debito né interessi a carico dei nord americani.

Sganciandosi dal letale legame con i finanzieri, anche J.F.Kennedy stampò dollari di Stato per rilanciare l’economia. Purtroppo scomparve prematuramente, e non mancano voci che ne addebitano l’assassinio (al pari di quello di Lincoln) alla cricca dei banchieri. (www.bankfreedom.com)

Con la cessione della sovranità monetaria, si è creata una situazione analoga a quella del ladro che ruba un’auto, la vende per 1000 euro, e questi soldi poi presta al proprietario, dietro interesse. Il cittadino che chiede un mutuo ad una banca per comprare una casa, ottiene un bene (il danaro), che non è costato nulla alla banca ma che lo costringerà, per restituirlo, a lavorare una vita. (Nota: l’esempio è di CLIFFORD HUGH DOUGLAS, Warnings Democracy, New York, 1997)

Ogni biglietto stampato dalla banca centrale, significa un debito di eguale valore per la collettività.

Ma è necessario, a questo punto, aver ben chiara la situazione reale. Il vero destinatario del privilegio di “battere moneta” non è la banca centrale cui viene attribuito (e del resto ciò non avrebbe gran senso), bensì il sistema bancario-finanziario nel suo complesso che, dietro il paravento di questa furberia della banca centrale, è messo in grado di gestire e lucrare la ricchezza del Paese, attraverso i pezzi di carta che stampa a costo zero (o quasi).

Non a caso un certo Amschel Rothschild, co-fondatore della setta degli “illuminati”, già nel 1773 affermava disinvoltamente: “mi si consenta di emettere e controllare la moneta di una nazione e non mi preoccuperò affatto di chi emana le leggi” (W.G.CARR, Pawns in The Game, cit., nonché: B. TARQUINI, La banca, la moneta, ecc., cit.)

Ma qualcuno, come abbiamo visto, già aveva capito il lucroso trucchetto.

Anche lo scopo dell’autonomia concessa alla banca centrale e principale pilastro della sovranità monetaria trasferitale, è quello di garantire l’indipendenza (ed ampia discrezionalità) al ben più importante sistema bancario.

Se non vi fosse la banca centrale a “dirigere” (in realtà accade il contrario) l’insieme delle banche, queste dovrebbero dipendere dallo Stato e dalle sue direttive e l’arbitrio totale di cui dispongono (soprattutto nella manovra e nella concessione del credito, per non parlare, poi, del collocamento dei titoli azionari) scomparirebbe del tutto.

Gli spropositati guadagni, diretti ed indiretti, e le speculazioni colossali (spesso illecite, come da ultimo il caso Lodi-Antonveneta ha ampiamente dimostrato) che il sistema realizza con il danaro di cui liberamente dispone (impossibili se il danaro fosse stampato dallo Stato), verrebbero cancellati. (WILLIAM GUY CARR, Pawns in the Game, Los Angeles, 1962).

Oggi, per di più, il sistema bancario-finanziario gode di una deregolamentazione sorprendente.

La così detta “legge bancaria”, le leggi sulla finanza e quelle sulle assicurazioni, sono nulla più che una sorta di codice di comportamento, del tutto autoreferenziale, che non provvede a tutelare in nessun modo il cittadino. I danni per la collettività sono enormi: gli scandali Sindona, Ambrosiano, Ferruzzi, Enron, Cirio, World Com, Parmalat, Lodi-Antonveneta, per limitarci ai casi più recenti e più noti, ne sono la conseguenza.

Di chi sono, se non dei risparmiatori, le centinaia di miliardi scomparsi in
queste occasioni?

Annullando una potestà propria della collettività, anzi, addirittura cedendola a speculatori privati, notoriamente pericolosi (ricordiamo il monito di Jefferson sui pericoli di una finanza non controllata…), le istituzioni hanno tradito e tradiscono il mandato loro conferito dai cittadini di tutelare e proteggere gli interessi della collettività che rappresentano.

Si può senz’altro ritenere che non possa configurarsi fattispecie che maggiormente si attagli all’ipotesi del reato di alto tradimento commesso dagli esponenti coinvolti.

La vicenda è di una gravità sconcertante e può protrarsi ancora oggi soltanto
grazie alla complicità dei media ed alla totale inconsapevolezza della collettività, ignara dei meccanismi monetari, sempre attentamente coperti da rigoroso riserbo e segretezza..
(R. STEINER, I punti essenziali della questione sociale, Milano, 1980). C’è da chiedersi come facciano i banchieri, nelle loro riunioni periodiche, a guardarsi in faccia senza scoppiare dalle risate. Come diceva J. Henry Ford, “è un bene che il popolo non comprenda il funzionamento del nostro sistema bancario e monetario perché, se accadesse, credo che scoppierebbe una rivoluzione prima di domani mattina”. Dello stesso parere anche l’anonimo banchiere citato da Tom Schauf (Nota:TOM SCHAUF, America’s Hope: To Cancel Bank Loans Without
Going To Court, New York, 2000), il quale confessa che “se gli americani scoprissero la verità su questi segreti, impiccherebbero i banchieri per quello che hanno fatto”.

In questo contesto kafkiano, con le istituzioni che tradiscono i loro cittadini,
affiorano anche aspetti tragicomici.

La bassa manovalanza monetaria, impegnativa, costosa e non redditizia, è lasciata allo Stato. Questo, infatti, conia le monete divisionarie (in Italia, prima dell’euro, stampava anche i “biglietti di Stato”da 500 e 1000 lire). Si tratta di una frazione minima della complessiva circolazione monetaria (non più del 5%, ammonisce e statuisce la BCE) e del tutto onerosa (anche per semplici questioni di trasporto): le monete più piccole hanno spesso un costo di produzione superiore al valore facciale.

Il costo del conio di una moneta varia da 20 a 35 centesimi, mentre quello della stampa di una banconota è di circa 3 centesimi.

Il conio delle monetine da 1 lira ne costava 50. Lo Stato, dunque può
direttamente acquistare beni e servizi nella piccola percentuale consentita (!!) dalla banca centrale: una sorta di mancia o lo scarico di un compito fastidioso e utile solo agli “schiavi” della collettività?

Incidentalmente, è bene ribadire che non stiamo parlando soltanto di chi abbia il potere di battere moneta e di come esso appartenga connaturalmente allo Stato.

Qui facciamo riferimento alla funzione fondamentale propria dello Stato di gestire la collettività. Ora, la cosiddetta “leva monetaria” (cioè la gestione della moneta), costituisce il più importante strumento per realizzare una politica economica.

Un’attività dalla quale dipende lo sviluppo della nazione ed il benessere dei cittadini.
Questa semplice ed ovvia considerazione fornisce la dimensione del problema di cui si tratta.

Naturalmente, non sono mancati degli assai stentati sforzi per cercare di
giustificare teoreticamente il disdicevolissimo trasferimento della sovranità monetaria ai banchieri.

Si è detto che lo Stato (cioè il governo) se disponesse della sovranità monetaria potrebbe abusarne per scopi elettorali. (JOACHIM BOCHACA, La finanza ed il potere, Padova, 1982).

L’argomentazione è inconsistente.

Innanzitutto, gli esponenti delle istituzioni hanno una responsabilità politica nei confronti degli elettori e le loro decisioni costituiscono il metro in base al quale i cittadini li giudicheranno.

Ed è opportuno sottolineare che questa responsabilità manca del tutto,
invece, per i responsabili delle banche centrali, che rimangono al loro posto anche se commettono gli errori più gravi.

Secondariamente, parlare di possibili abusi monetari dei governi è sommamente ridicolo a fronte dei ben più gravi soprusi che giornalmente costoro commettono ingannando e mistificando, scatenando guerre, assassinando liberi cittadini con l’etichetta di “terroristi”, ecc. ecc.

Comunque, non vi è infine dubbio che, per un governo, è sicuramente meglio il
“condizionamento” di finalità elettoralistiche che non quello degli interessi degli speculatori privati.
http://auriti.blogspot.com
http://picasaweb.google.it/jhwhverbum/IPoveriDiJHWH

i poveri di JHWH





http://signoraggio.wordpress.com/tag/massoneria/


Christian Leaders Marked for Assassination

 

  • Fate of Kidnapped Missionaries Still Unresolved

    Resolution as to the fate of three American missionaries kidnapped in Panama in 1993 by Colombian ...
  • Christian Exodus

    There are one to two million refugees in Colombia because of the civil war between the government, ...
  • Violence Against Pastors Continues

    Two pastors of the Pentecostal Church in Colombia were killed January 23 by presumed guerrillas for ...
  • Living Hope in the Darkest Place

    Following a list of safety tips is a way of life for Jeannine Brabon, who was born in Colombia and ...
  • Living with Death Threats

    Anonymous callers have phoned death threats to the Medellin, Colombia, homes of prison ministry ...
  • Pastor Murdered

    Sisinio Bernal knew that to hold a crusade in Medellin, Colombia, he needed the support of pastor ...

    MY JHWH ] URLERò COSì FORTE: così COME RUGGISCE IL LEONE DELLA TRIBù DI GIUDA, E IL TERRORE SI DIFFONDERà, CONTRO TUTTE LE CREATURE MALVAGIE! SI DIFFONDERà il terrore PER TUTTO IL REGNO DELL'ANTICRISTO con angoscianti e TERRIFICANTI PRESAGI DI MORTE.. la distruzione senza rimedio seguirà, per molti il sole del giorno dopo mai più potrà sorgere!
    a Benjamin Netanyahu e: a tutto il popolo mondiale degli ebrei, tutti i miei: " regali ministri di Israele" non ha importanza, se i criminali moriranno veramente, noi li crederemo morti in noi stessi, perché, anche noi possiamo morire al peccato definitivamene! e, questo noi possiamo crederlo e pregarlo e ottenerlo: infatti: è scritto: " LA FEDE NON DELUDE!" E benché, nostro padre Abramo fece molti peccati, per inesperienza spirituale, involontariamente, tuttavia da quello che dovette sofffrire, la sua fede crebbe e divenne perfetta, ed è stato chiamato il PADRE di tutti i credenti! Ma piacque a Dio JHWH, anche, ed ancora di più, al di la, di tutti i suoi atti di giustizia e di eroismo, infatti, per nessuno di essi, lui Abramo fu giusticato e per nessuno di essi piacque  Dio: ma, piacque a Dio per la sua fede: "ECCO PERCHé L'AMORE SUPERA LA LEGGE " e "pieno compimento della legge è l'AMORE!" quindi, il Talmud è declassato a semplice libro letterario, è lui che impedisce la effusione dello SPIRITO SANTO, affinché, vengano benedetti tutti i popoli del mondo!
    =============================
    http://fedele.altervista.org [ Salman dell'Arabia Saudita ]] ALLORA TU SEI TUTTO SCEMO! [[ così, io per proteggere Israele dalla Kabbalah dei Rothschild, che ha già portato a morire 6 milioni di ebrei circa, con Hitler, io devo danneggiare qualche religione? ] ALLORA TU SEI TUTTO SCEMO! [ Qui, tutti lo sanno, se tu non eri un assassino seriale, un criminale internazionale, io non avrei, mai detto nulla contro il mio Santo Islam, che può essere una religione benefica e positiva, ma, che, tu ne hai fatto una religione maligna e negativa, come è il satanismo stesso! ] E SE L'ISLAM VERRà ABOLITO SUL PIANETA I SATANISTI FARISEI DARANNO LA COLPA A ME, MENTRE IN RELATà, LORO LO AVEVANO PROGETTATO, già,  PRIMA CHE IO NASCESSI CON LA LORO KABBALAH [ OK! Maometto è il figlio di satana, esoterista, tutti i crimini e tutti i peccati sono stati con lui, quelli che hanno scritto 4 volte il Corano, distruggendo 4 edizioni, dopo di lui, erano degli assassini, come dei pezzi di merda di asino.. ma, l'Islam tuttavia non sarebbe mai diventato qualcosa di cattivo, se voi non eravate cattivi! VOI SIETE CATTIVI, e STUPIDI anche, PERCHé VOI NON STATE FACENDO NULLA PER AIUTARE ME! O ci salveremo insieme, o moriremo insieme in questa guerra mondiale, ma, tu hai fatto di te stesso un ipocrita criminale a cui nessuno si può avvicinare! 
    Salman dell'Arabia Saudita ] tu non devi dire: "la Monarchia Inglese la fanno vivere, quindi faranno vivere anche me" [ perché Elisabetta II, LEI è Gezabele II, e stanno nelle banche SpA, INSIEME con i Rothschild a succhiare il Signoraggio Bancario, ED IL SANGUE DEI POPOLI SCHIAVI ] NON HAI VISTO TU COME HANNO RIMOSSO, TUTTE LE MONARCHIE TEOCRATICHE? INFATTI, I FARISEI MASSONI COSPIRAZIONE USURA E SCHIAVITù UNIVERSALE, idolatria talmud, Baal JaBullOn loro ODIANO I POTERI forti: MONARCHICI E TEOCRATICI!
    http://metafisica.altervista.org
    Elisabetta II del Regno Unito ] e già, come no, tutto ad un tratto: adesso, non lo conosce nessuno questo Demonio usuraio Rothschild il Parassita? Voi portate tutti il suo demonio denaro del debito: in tasca! Voi siete tutti, i suoi complici con lui all'inferno!
    my JHWH ] perché io non posso mai stare da solo in pace a lavorare? Questi leggeno i miei articoli nel momento stesso che io li sto digitando sul WordPad, altro che DATAGATE, ormai i nostri sistemi operativi non sono una protezione per nessuno, e tutti lo sanno io ho soltanto windows
    http://web.tiscali.it/martiri/
    Bush 666 Rothschild SpA Gmos ] sostanzialmente [ io credo che, voi dovreste ringraziare, i vostri agenti CIA 666 in facebook, per avermi chiuso la pagina di ANSA MONDO.. che felicità! ADESSO MI POSSO DEDICARE SOLTANTO A VOI! [ 
    http://www.webalice.it/looooo/
    Salman dell'Arabia Saudita ] possibile che, proprio tu con tutti i tuoi assassini della Galassia Jahdista shari'a il nazismo, per il mondo intero Califfato: allah akbar, tu non riusciresti a fare un lavoro sporco a nome mio? infatti la leggittima difesa non è omicidio colpevole!
    my JHWH holy holy ]  adesso sono più offesi gli sgozzatori maomettani o gli usurai strozzini farisei? Ahhhh adesso ho capito: "sono entrambi: i commercianti di schiavi: dello anticristo!" OK! ALLORA, noi NON ABBIAMO PIù UNA SPERANZA DI EVITARE questa GUERRA MONDIALE nucleare: dunque che sia! HAI VISTO? QUESTA VOLTA, IO HO VINTO LA MIA SCOMMESSA CONTRO DI TE!
    ===============
    my JHWH holy ] e che cazzo è da oltre 25 anni che questi maomettani mi hanno messo a contare i cadaveri dei martiri cristiani innocenti! MO BASTA [ EIH, TU  ANIMA MALEDETTA Muhammad, Jaman, Awal, SHARI'A, Islam, nazismo Satana ] nel nome di Gesù di Betlemme [ tu spirito malefico, maligno, assassino seriale nazista, tu vieni fuori, esci dal corpo del Genere Umano! amen alleluia! ] [ C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. http://esorcismo.altervista.org/esorcismo_san_benedetto.htm ] Croce del Santo Padre Benedetto C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce V. R. S. Vadre Retro satana Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana Non mi persuaderai di cose vane S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas Bevi tu stesso i tuoi veleni. + In nomine Patris, et Filii et Spiritui Sancto. Croce del Santo Padre Benedetto. Croce Santa sii la mia Luce e non sia mai il dragone mio duce. Va indietro satana! Non mi persuaderai di cose vane. Sono mali le cose che mi offri, bevi tu stesso il tuo veleno. Nel Nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo +. Amen!
    P. Pio dice: "Quanti disgraziati nostri fratelli non corrispondono all'amore di Gesù col buttarsi a braccia aperte nell'infame setta della massoneria!"Temono che possiamo unirci su questo obiettivo, perché risolverebbe tutti gli altri e così perderanno il controllo su di noi
    ==================
    US Drops Key Demand to Inspect Iran Nuclear Sites. In a major setback to stop Iran from nuclear capability, the US has agreed to drop its key demand to inspect Iran's nuclear sites. A bad deal has now become much worse. kerry Zarif. WATCH: What the World Looks Like with a Nuclear Iran (Chilling Video)  This SHOCKING video shows what would likely happen if an Iran nuclear deal goes bad, resulting in nuclear threats and actual attacks. The real world with a nuclear Iran. On Thursday speaking to new graduates of the Israeli Air Force, Prime Minister Benjamin Netanyahu issued new last-minute warnings on the nuclear agreement with Iran. As the June 30 deadline for the deal is just days away, the Israeli PM said the West is making too many concessions and paving the way for Iran to be his country's "top threat." But he says there is still enough time to make a good deal. "[The West] could still come to their senses," said Netanyahu. "It's still not too late to insist on a good agreement, and certainly not too late not to promote a bad agreement." But he is warning that concessions are only making Iran's desire to become a nuclear power more intense. "These concessions increase Iran's appetite, and every day, they come and further raise their requirements in order to squeeze more concessions from them," the prime minister said. "This agreement is fundamentally flawed," he added, "leaving the path to achieving Iran's arsenal of nuclear bombs within a decade." "I repeat it now: no agreement is better than a bad agreement," Netanyahu warned, but insisted that no matter the outcome, "Israel will always protect itself, and the IAF is a big part of that."
    ================================
        What if the Iran Deal is a Bad Deal. Scene of terror attack     Female Palestinian Terrorist Stabs Female IDF Officer. A female IDF officer is in moderate to serious condition after being stabbed in the neck by a female terrorist in Palestinian Authority-controlled Bethlehem.
    =============================
    Desecration of the Mount of Olives Cemetery     WATCH: Arab Vandals Destroy Jewish Tombstones on the Mount of Olives. The situation is becoming dire on the Mount of Olives cemetery where Arabs are frequently vandalizing, burning and destroying Jewish tombstones. [Destruction and Tomb Burning on Mount of Olives. Following the severe vandalism on the ancient Mount of Olives Jewish cemetery by Arab rioters, the Religious Services Ministry intends to double the security budget for the site, Arutz Sheva has learned Tuesday. "We are not going to give in to terrorism in the Mount of Olives area," Religious Affairs Minister David Azoulay (Shas) stated Tuesday. "We will double the security budget during the approvals process for the state budget in order to stop vandalism on the Mount." "There are 5,000 vacant gravesites [on Mount of Olives], which you don't have on Har Hamenuchot [the other main cemetery in Jerusalem - ed.], for example, but people are afraid to bury their loved ones there because of the desecration of gravestones and sense of a lack of security on the roads leading there," he added. Religious Affairs Ministry CEO Oded Fluss added that the entire issue speaks volumes about whether Israel is truly exercising its sovereignty over Jerusalem. [ Watch Here ] He added that even a small boost in funding for security would solve many of the problems with the Mount. "I do not know why the desecration of graves at other locations stirs up a media storm, while here, it's done systematically," he lamented. a "We intend to make every effort to combat this phenomenon and bring this intolerable situation on the Mount of Olives and its roads to the public consciousness." The budget for Mount of Olives is due to be expanded in any event, as part of the implementation of the coalition agreement ruling party Likud signed with Shas to form the new government. Ongoing vandalism at the Mount has recently escalated, as Arabs have begun not only smashing tombstones, but torching graves as well. Jews are becoming afraid to bury their dead there as a result of the vandalism, which in some cases the Israel Police have blamed on the Jews themselves, in what activists say is an attempt to avoid tackling the problem. Source: Arutz Sheva ]
    =================      [Horrifying Video] Watch What Happens if the Iran Deal Goes Bad
    Dear Lorenzo, The video you are about to watch will shock you. It is not like anything you have ever seen before.
    Although horrifying beyond belief, it is a realistic depiction of what can actually happen if the Iran deal goes bad. It's chilling how realistic it is. You absolutely must take a glimpse [ https://go.madmimi.com/redirects/1435519020-91b52746d467a0f7b6b813cb7022bdb7-9e03887?pa=31291241763 ] at the world with a nuclear Iran.
    After you watch, please FORWARD this email to every single person you know. You will understand why.
    Click Here to Watch the Frightening Video https://go.madmimi.com/redirects/1435519020-2b16c46b8d78b717b9e5bbb3d21093ba-9e03887?pa=31291241763 Join us in praying that what you have just seen will never actually happen. But that's not enough. We must do everything in our power to stop a nuclear Iran.
    Yes, Israel needs your help. But so does the entire free world. We cannot afford to remain silent. Contact your elected officials today! Click Here to Sign the Petition to Stop Iran. Again, we urge you to forward this email to everyone you know - RIGHT NOW! Thank you for standing United with Israel.]
    =====================
    Palestinian rock terror     Rock-Throwing Arabs Attack Jewish Children in Jerusalem. Rock-throwing Arab terrorists attacked a bus filled with small children in Jerusalem on Monday. The children managed to escape unharmed.
    ===============
    Urge President Obama and the US Congress: Keep the Pressure on Iran
    Thank you for signing the Petition http://stopiran.org/thankyou.php?status=old_email&Contact0Email
         Terrorists Open Fire on Israeli Drivers Near Community of Shiloh: Victim: 'They Wanted to Kill Us Because We Are Jews'. Click here to watch: Terrorists Open Fire on Israeli Drivers Near Community of Shiloh

    Terrorists opened fire on Monday evening on an Israeli vehicle near the community of Shiloh in the Binyamin region. Four people were wounded in the attack, including one seriously. Two of the victims were evacuated to the Shaarei Tzedek Hospital in Jerusalem, among them the seriously wounded victim and one more in light-to-moderate condition. Two other victims were evacuated to the Hadassah Ein Kerem Hospital. Magen David Adom reported that "at 22:55 there were reports of ah shooting at three people near the community of Shvut Rachel. Magen David Adom teams on their way.” The terrorist attack in Shvut Rachel is the second attack in several hours. Earlier on Monday, an IDF soldier was wounded in a stabbing attack at Rachel's Tomb in Bethlehem. According to security sources, a female Arab terrorist arrived on Monday morning at the checkpoint adjacent to Rachel's Tomb, located south of Jerusalem and adjacent to Bethlehem in Judea, where she stabbed a 25-year-old female IDF soldier who was manning the checkpoint several times in the neck. After paramedics carried out emergency first aid at the scene, the soldier was evacuated in serious condition for further medical treatment at the Hadassah Ein Kerem Hospital in Jerusalem. Shortly after being evacuated to the hospital the soldier's condition stabilized, but continued to be classified as moderate to serious. And on Saturday night, terrorists opened fire on a civilian ambulance as it was driving along a road adjacent to Beit El in the Binyamin region. At least three direct hits from the bullets were located on the ambulance, but fortunately no one was wounded in the incident.
    Watch Here https://www.youtube.com/watch?v=GgxA9pQHA1k Victim: 'They Wanted to Kill Us Because We Are Jews'
    Yair Ofer from Kohav Hashachar, one of the Jews wounded in the shooting attack Monday in the Binyamin region, spoke to B'Hadrei Haredim​ from his hospital bed Tuesday morning about his ordeal. Yair also commented on the latest spike in attacks in Judea and Samaria, noting that a good deal of the problem lies with the "settler" label. "They say I'm a 'settler.' What does this mean, 'settler?" he fired. "I grew up in Jerusalem and looked for a nice place to raise my children. I am a father of two children and I'm married, and they are my life." "I am a student and I work very hard so that we have money and live well enough," he continued. "No one gives me money. The state doesn't help 'settlers.' I pay tax and national insurance, and we work hard and listen to them call us 'settlers,' and it's 'okay' for them to do that because we are 'land grabbers." "No!" he added. "Overall, we believe that the Land of Israel is ours and it is our right to live there." "I have never hit an Arab, I work with Arabs, and I treat them as people like any other people, whom we should treat with respect," Yair declared. "I'm not going to war. We want to live in peace."
    http://www.israelvideonetwork.com/terrorists-open-fire-on-israeli-drivers-near-community-of-shiloh/?omhide=true&utm_source=MadMimi&utm_medium=email&utm_content=Terrorists+Open+Fire+on+Israeli+Drivers+Near+Community+of+Shiloh&utm_campaign=20150630_m126386047_6%2F30+Breaking+Israel+Video%3A+Terrorists+Open+Fire+on+Israeli+Drivers+Near+Community+of+Shiloh&utm_term=terror-attack-shiloh_png_3F1435659668
    Source: Arutz Sheva ] The One Video About Peace in the Middle East Every Person Must See [ On September 18, 1978, Egyptian President Anwar Sadat and Israeli Prime Minister Menachem Begin signed the so-called Camp David Accords, cementing the notion that land for peace would become the basis for a resolution of the Arab-Israel conflict. In 2000 Israel withdrew it’s forces from Lebanon. In 2005 Israel withdrew it’s forces and all of its civilians from the Gaza strip. Did Israel really get peace? http://www.israelvideonetwork.com/the-one-video-about-peace-in-the-middle-east-every-person-must-see/?omhide=true&utm_source=MadMimi&utm_medium=email&utm_content=Terrorists+Open+Fire+on+Israeli+Drivers+Near+Community+of+Shiloh&utm_campaign=20150630_m126386047_6%2F30+Breaking+Israel+Video%3A+Terrorists+Open+Fire+on+Israeli+Drivers+Near+Community+of+Shiloh&utm_term=F140728EI01-e1403978093665_jpg_3F1435657523
    ======================
    Ciao, lorenzo. [ Due pastori sudanesi, padre Michael Yat e padre Peter Reith) rischiano l'ergastolo o la pena capitale.
     E questo per aver predicato il Vangelo. Chiedi all'Alto Commissario ONU per i Diritti Umani di intervenire!
    ] Scrivo per invitarti a partecipare a questa nostra petizione (http://www.citizengo.org/it/25963-due-pastori-cristiani-rischio-pena-di-morte-sudan), riguardante il caso di due pastori sudanesi, il reverendo Michael Yat e il reverendo Peter Reith, arrestati e detenuti ingiustamente in Sudan, in base ad accusa assurde che potrebbero addirittura comportare la pena di morte. Lo scorso dicembre, padre Michael si è recato presso una chiesa evangelica presbiteriana precedentemente attaccata e distrutta delle autorità. Dopo il sermone, il religioso è stato arrestato immediatamente. Padre Peter ha denunciato pubblicamente l'ingiusto arresto ed è stato a sua volta condotto in carcere nei primi giorni del mese successivo. Il processo, che vede i due predicatori imputati di minaccia al sistema costituzionale del Sudan e di spionaggio, è iniziato lo scorso 15 giugno. Ma la palese assenza di testimoni dimostra come i due siano stati arrestati esclusivamente in base alla loro fede religiosa e alla loro attività di evangelizzazione.
    Inizialmente detenuti in un luogo ignoto, i due pastori sono stati da poco rintracciati. Denunciano violenze psicologiche e intimidazioni: solo da poco hanno potuto rivedere i propri famigliari (il reverendo Yat ha due figli piccoli; il reverendo Reith una bambina appena nata). E sempre e solo attraverso una finestra schermata.
    Si tratta di vere e proprie persecuzioni religiose, perpetrate nonostante la Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo (sottoscritta dal Sudan) e la stessa Costituzione sudanese, che garantiscono il diritto alla libertà di culto.
    Per questo, ci rivolgiamo all'Alto Commissario ONU per i Diritti Umani,Zeid Ra'ad Al Hussein, chiedendogli di intervenire. Ti invito, lorenz, a firmare questa nostra iniziativa (cliccando sul link seguente) e, dopo averlo fatto, a condividerla con i tuoi contatti (potrai farlo tramite social media, attraverso la pagina che visualizzerai dopo la firma) o inoltrando direttamente questo mio messaggio via email:
    Firma qui: http://www.citizengo.org/it/25963-due-pastori-cristiani-rischio-pena-di-morte-sudan
    Persecuzioni religiose contro i cristiani non sono una novità in Sudan. Ciò che è successo un anno fa con il caso di Meriam (la donna ingiustamente condannata a morte per apostasia) dimostra la terribile situazione dei cristiani che vivono in quel Paese, ma anche la potenza e l'efficacia di un'iniziativa di mobilitazione e pressione internazionale. Nel caso di Meriam, è stato proprio grazie all'interesse e agli appelli da tutto il mondo (tra cui le più di 300.000 firme raccolte da CitizenGO) che si è giunti alla sua liberazione. Ora vogliamo e dobbiamo fare lo stesso per padre Peter e padre Michael.
    Per ogni firma raccolta, il nostro sistema invierà automaticamente una email all'Alto Commissariato ONU per i Diritti Umani e all'indirizzo istituzionale della presidenza del Sudan, chiedendo all'Alto Commissario di adoperarsi perché padre Michael e padre Peter siano rilasciati immediatamente.
    Firma qui: http://www.citizengo.org/it/25963-due-pastori-cristiani-rischio-pena-di-morte-sudan
    Grazie mille del tuo interesse nei confronti delle nostre campagne di raccolta firme e della tua partecipazione.
    A presto, Matteo Cattaneo e tutto il team di CitizenGO
    P.S.: Come certamente sai, lo scorso sabato si è svolta a Roma una grande manifestazione, organizzata dal comitato "Difendiamo i nostri figli", a difesa della famiglia naturale e contro l'indottrinamento gender nelle scuole, l'utero in affitto e il "matrimonio gay". L'evento ha avuto enorme successo, con centinaia e centinaia di migliaia di famiglie arrivate da tutta Italia. Anche noi di CitizenGO siamo stati felici di partecipare. Ecco il nostro video della manifestazione: https://www.youtube.com/watch?v=4ZoPR2GnwNg
    Libertà per i pastori cristiani ingiustamente detenuti. a Zeid Ra’ad Al Hussein, Alto Commissario dell'ONU er i diritti umani. Sono rimasto scioccato per la situazione dei pastori Yat Michael e Peter Yein Reith, a rischio pena di morte per aver predicato il Vangelo in Sudan. Si tratta di una palese violazione della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo (articolo 18) e della Costituzione del Sudan (sezione 6). Chiedo il rilascio immediato di padre Michael e padre Reith! Due pastori cristiani (il reverendo Michael Yat e il reverendo Peter Reith) sono stati arrestati in Sudan e rischiano la pena di morte. L'arresto risale allo scorso dicembre, dopo un sermone tenuto da padre Michael nella sua chiesa evangelica presbiteriana, distrutta poco prima dalle autorità. Padre Peter, dopo aver condannato l'ingiusto arresto di padre Michael, è stato anch'egli rinchiuso in carcere.
    Secondo testimoni della stessa chiesa dei due pastori, "non si tratta di niente di nuovo per la nostra chiesa. Quasi tutti i pastori sono stati arrestati. Siamo stati presi a sassate e a bastonate. Questo è il loro modo di comportarsi con le chiese cristiane. Non siamo sorpresi."
    Il processo ha preso il via lo scorso 15 giugno. L'assenza di testimoni, manifestatasi negli ultimi giorni, prova che i due pastori stanno subendo minacce legali e persecuzioni semplicemente a causa della loro fede.
    Padre Michael è sposato e ha due bambini (uno di un anno e l'altro di 3), mentre padre Peter, che gestisce un orfanotrofio nel Sud Sudan, ha una figlia appena nata.
    Vogliamo chiedere alle Nazioni Unite di agire. Quando Meriam, sempre in Sudan, è stata arrestata e condannata a morte a causa della sua fede cristiana, è stato grazie alla pressione internazionale (causata anche da CitizenGO) che il suo caso si è risolto per il meglio. Dobbiamo fare lo stesso ora!
    Per ogni firma a questa petizione, il nostro sistema invierà una email a Navi Pillay, Alto Commissario ONU, e a l presidente sudanese Omar al-Bashir, con il testo della petizione che si trova qui a destra.
    Ulteriori informazioni (inglese): 2 Pastors face possible death penalty for preaching the gospel http://pulse.ng/religion/in-sudan-2-pastors-face-possible-death-penalty-for-preaching-the-gospel-id3782295.html
    http://blogs.cbn.com/globallane/archive/2015/06/01/imprisoned-south-sudan-pastors-unafraid.aspx
    After Meriam Ibrahim's Release, Why Are Two Christians Still Facing The Death Penalty In Sudan? http://www.huffingtonpost.com/2015/05/21/sudan-christians-death-penalty_n_7346896.html
    Interview: Imprisoned South Sudan Pastors Unafraid.
    ================
    Today marks one year since the Islamic State proclaimed the dawn of a new Islamic ‘caliphate’ in Iraq and Syria, and thousands of Christians were forced to flee. year ago, few people had any idea what the word 'caliphate' means. Then, on June 29, 2014, an army of radical Sunni Muslims proclaimed the dawn of a new Islamic 'caliphate', or Islamic State (IS). In the year since, Christians of Syria and Iraq have learned first-hand what a caliphate means to them: They can become Muslim. They can leave. Or they can die. Christians who live outside the IS shadow, however, also need to understand what the IS embodiment of a caliphate means for persecuted believers, Christians worldwide, and what Open Doors is doing to help. The Islamic State’s interpretation of Islam is a grave threat to Christians. Untold numbers have been killed, raped or abducted. Hundreds of thousands of Syrian and Iraqi Christians have been driven from their homes, creating a humanitarian crisis of the first order. While many of the oldest Christian communities in the world have been overrun, and their existence is at stake. Open Doors refuses to accept that there may be no more Church left in Iraq or Syria, but the world needs to wake up and recognise the seriousness of the threat. The IS movement has a strong potential to spread beyond Iraq and Syria through foreign jihadists. It is realistic to expect more jihadists, returning to their native Western countries, will turn against Christian, Jewish or Western influences in Europe and worldwide. Anxious Western governments could be in danger of restricting Muslims too much. That could create a vicious cycle of frustration and resentment, which may fuel further violence against these Christian, Jewish or Western influences.
    https://www.opendoors.org.za/eng/persecuted_christians/news_persecuted_church/news_2015/06_june/iraq_syria_declaration_is_caliphate/
     I livelli ideologici di quella che era una volta la nostra società ebraico cristiana (la sacraità del valore della vita) sono in caduta libera, perché il sistema massonico: i maggiori  specialisti massoni di ingegneria sociale della storia, del nuovo ordine mondiale: con la sua potenza finanziaria politica e mediatica, rappresenta il nuovo criterio di cosa è giusto e di cosa è sbagliato, il materialismo relativismo edonismo e nichilismo: (ogni uomo è il suo portafolio e il suo ruolo nel sistema: il potere massonico) ecco perché Dio e la sua legge naturale sono andati in cantina. ADESSO QUELLO CHE ATTENDE LA NOSTRA SOCIETà è UN NUOVO LIVELLO DI IMPAZZIMENTO E IMBARBARIMENTO. Aleteia - Negli USA il matrimonio gay è legge Storica decisione della Corte Suprema americana che rende legale in tutti gli Stati le unioni omosessuali... COME ANCHE NEL (più il District of Columbia). CON ALTRI 13 stati il matrimonio gay era esplicitamente vietato.
    Secondo un sondaggio di Gallup, dal 1996 al 2014 i cittadini americani favorevoli alla legalizzazione dei matrimoni gay sono passati dal 27 al 55 per cento. L’amministrazione democrata del presidente uscente Barack Obama è favorevole all’equiparazione fra matrimonio omosessuale ed eterosessuale già dal 2011. Una precedente sentenza della Corte aveva riconosciuto a livello federale la validità di tali unioni, ora i singoli stati non potranno più sottrarsi a questo riconoscimento.
    La sentenza era ampiamente attesa vista anche la difficoltà di trovare qualcuno che difendesse la tesi opposta di fronte alla Corte. http://www.aleteia.org/it/tag/matrimonio-gay-5706778486505472




    =======================================